Come curare la pelle sensibile in inverno: i nostri consigli

ragazza che si guarda allo specchio

Spesso si tende a parlare di pelle sensibile come una tipologia specifica di pelle: in realtà si tratta di una condizione particolare della pelle che è più reattiva a determinati fattori, rispetto a una pelle “normale”. Si può avere pelle sensibile quando la barriera cutanea risulta indebolita, ma anche a seguito di infiammazioni causate da fattori esterni, come possono essere gli agenti atmosferici (freddo, vento), oppure abitudini di detersione troppo aggressive, o anche da fattori interni come un alto livello di stress, fattori generici o alcune patologie fisiche.

La pelle sensibile si riconosce principalmente da segnali visivi come rossori e secchezza, che si manifestano in particolar modo a seguito di stimoli come caldo, freddo e in generale improvvisi sbalzi di temperatura, sulle zone degli zigomi, del naso e delle guance.

Una delle prime cose da fare per curare la pelle sensibile in inverno è concentrarsi sull’idratazione, sia quella “interna”, cercando sempre di bere molta acqua, sia quella “esterna”, applicando specifiche creme idratanti in grado di “sigillare” l’acqua nello strato superficiale della cute: a questo scopo, un’ottima linea è Avène Cold Cream, una gamma di prodotti specifici dedicati alle pelli sensibili secche e molto secche, adatta per viso e corpo di adulti, bambini e neonati.

Come tutti i prodotti Avène, anche questa linea è formulata con una percentuale di acqua termale Avène dalle proprietà lenitive e addolcenti; inoltre è nutriente, penetra facilmente nello strato cutaneo e la presenza di cera d’api bianca fornisce ulteriore protezione dalle aggressioni esterne.

Sempre per quanto riguarda l’acqua, attenzione a non fare bagni e docce troppo caldi! Per quanto con il freddo possa essere gradevole, in realtà l’acqua molto calda tende a danneggiare la barriera cutanea rimuovendo lo strato protettivo superficiale di olio sebaceo e, di conseguenza, la pelle diventa ancora più secca e facile alle irritazioni.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *